Emergenza Profughi

Marco di Rovereto -maggio/ottobre 2011 Articolo a cura Gen. De Maria

Determinante il sostegno logistico fornito dai Nu.Vol.A.
Fra Cronaca e impegno civile
“Attraverso e con il lavoro la solidarietà verso i profughi immigrati”

A Marco di Rovereto, nella capace, funzionale e perfettamente organizzata struttura permanente della Provincia, operano con la consueta, collaudata esperienza da oltre 180 giorni, i Volontari della Protezione Civile dell’A.N.A. in favore dei profughi che arrivano, secondo una pianificazione preordinata dal Ministro dell’Interno (Dipartimento della Protezione Civile).
E qui, secondo tradizione, non possiamo non parlare e scrivere dei nostri Volontari i quali, con l’ormai acquisita capacità ed esperienza, sono sempre all’altezza di una situazione anche se diversa e insolita per le persone a cui è rivolta.
Per loro, per questi Volontari, non ci stancheremo mai di ripeterlo, ogni aggettivo è inadeguato, ogni elogio è inferiore al loro merito, ogni parola che ne descriva lo spirito e l’impegno può apparire banale, ripetitiva, vuota retorica.
Ma per loro è sempre così: ogni intervento – e sono la totalità – sia quelli considerati “grandi” per durata, numero di persone e località coinvolte, sia i più modesti, viene da loro affrontato con lo stesso impegno, la stessa dedizione. Sempre con il più solerte puntiglio pur se le esigenze sono diverse e sconosciute. Vedi oggi.
I Volontari che attualmente operano a Marco rappresentano e testimoniano una nuova e più attuale realtà: prepararli nel rigoroso rispetto della tradizione e della religione che professano, nel quotidiano giornaliero, rappresentato dalla confezione, tipo e natura delle derrate alimentari.
In particolare durante questo mese dal 1° al 29 agosto (nono mese dell’anno) gli immigrati presenti nella struttura dovranno rispettare il Ramadan ovvero la rigorosa osservanza del digiuno diurno secondo le effemeridi (alba-tramonto).
Noi, ugualmente, confezioniamo i pasti (colazione, pranzo, cena) per tutto il periodo che lasceremo a disposizione per la consumazione.
I Volontari interessati all’operazione sono 5-6 con turni della durata di 4 giorni. Il numero dei profughi presenti può variare dai 15 ai 55 (alla data odierna sono 37); mentre la loro permanenza nella base è variabile; dipende dalla disponibilità degli alloggi reperiti dalla P.A.T. e dalla località interessata ad accoglierli.
Come regola di base la Provincia Autonoma di Trento è tenuta ad ospitare l’ 1% degli immigrati che sbarcano a Lampedusa o che entrano in Italia da altre zone.
Oltre alla nostra organizzazione dei Nu.Vol.A. – che cura la parte logistica – operiamo di conserva con la Croce Rossa, per la parte sanitaria, e l’Associazione Psicologi per i Popoli.
Il problema di funzionalità operativa deve considerarsi prioritaria e preponderante la parte “volontaria” nella Protezione Civile.
Quindi ferma interpretazione dell’obbligo all’intervento, senza se e senza ma, quando e se questo, arriva da una delle autorità pubbliche preposte alla precettazione.

Condividi sui social 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Argomenti del sito

Ultime news

Seguici sui social

Iscriviti alla newsletter

Vuoi diventare volontario?

Compila il form, ti ricontatteremo al più presto